Montale dietro le quinte in Ambrosiana

20 gennaio 2015 alle 11:30 | Pubblicato su Bookcity Milano, Interlinea, Letteratura | Commenti disabilitati su Montale dietro le quinte in Ambrosiana
Tag: , , , , ,

HEAD Invito_Riccardi-MI-001

A Milano nuovi studi su fonti e ispirazioni del premio Nobel

 Giovedì 29 gennaio in Pinacoteca Ambrosiana si presenta Montale dietro le quinte di Carla Riccardi, disamina dei debiti di Eugenio Montale fra l’Inferno di Dante e le Myricae di Pascoli

Quaranta anni dopo la consegna del premio Nobel un nuovo tassello si aggiunge agli studi montaliani. Giovedì 29 gennaio 2015 a Milano, in Pinacoteca Ambrosiana (piazza Pio XI 2) alle ore 18 si terrà infatti la presentazione di Montale dietro le quinte. Fonti e poesie dagli Ossi alla Bufera di Carla Riccardi, professore ordinario di letteratura italiana presso l’Università di Pavia. Il volume sarà presentato da Alberto Cadioli, ordinario all’Università degli Studi di Milano, con l’introduzione di Armando Torno (“Il Sole 24 Ore”). L’autrice ha esaminato a fondo il corpus montaliano individuando in esso spunti e suggestioni non ancora pienamente studiati come il canto XI dell’Inferno di Dante, che «non fornisce solo materiale linguistico, ma si costituisce, insieme con i successivi dedicati ai violenti, come fonte tematica e ideologica molto densa sia per la Bufera sia per gli Orecchini» e permette di valutare con ancora maggiore attenzione la figura ispiratrice di Clizia fino a spiegare un verso oscuro come «la tua impronta verrà di giù». Sotto nuova luce non più meramente lessicale, grazie agli studi di Carla Riccardi, appaiono anche i contributi di D’Annunzio e Pascoli, «mentre una relazione inedita si stabilisce con la Divina commedia della Riforma, Les Tragiques di Agrippa D’Aubigné, da cui è tratta l’epigrafe della raccolta e di cui non si è mai colta l’importanza come lettura montaliana».

Carla Riccardi è professore ordinario di letteratura italiana presso l’Università di Pavia. Ha insegnato in varie università europee ed extraeuropee nell’ambito del progetto Socrates o come professore ospite. Si occupa di letteratura dell’Ottocento e del primo Novecento. Ha pubblicato le edizioni critiche di Vita dei campi e del Mastro don Gesualdo di Verga (nell’Edizione Nazionale), della Colonna Infame (Edizione nazionale ed Europea) e degli Scritti letterari (nei “Classici Mondadori”) di Manzoni, il commento alla Lettre à M.Chauvet presso l’editore Salerno; saggi preparatori dell’edizione critica (per l’Edizione Nazionale delle Opere) del Notturno di D’Annunzio sono raccolti in La parola notturna: fonti e autografi del “Notturno” (presso l’editore Manni). Ha pubblicato numerosi saggi sia filologici, sia critici su opere narrative dell’Otto e del Novecento, riproponendone spesso anche testi meno frequentati (Racconti italiani dell’Ottocento, La Scapigliatura e il sei febbraio, Goccie d’inchiostro).

 Carla Riccardi, Montale dietro le quinte. Fonti e poesie dagli Ossi alla Bufera
Interlinea, pp. 184, euro 20, isbn 978-88-8212-954-5

Ufficio Stampa Interlinea
ufficiostampa@interlinea.com
www.interlinea.com
Facebook: Interlinea Edizioni
Twitter: @Interlinea_Ed
0321 612571

Annunci

“Le Rane” di Interlinea in mostra a Tokyo

6 febbraio 2012 alle 12:34 | Pubblicato su Editoria, Interlinea | Lascia un commento
Tag:

“Le rane”, i libro della collana per l’infanzia di Interlinea, saltano fino all’Oriente grazie a una mostra della migliore produzione per ragazzi organizzata a Tokyo dalla rivista “Andersen” e Istituto Italiano di Cultura sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura. L’allestimento s’intitolato “Viaggio in Italia. Cultura, storia e paesaggi italiani nei libri per l’infanzia” è in programma a Tokyo dal 3 al 18 febbraio, per trasferirsi a Osaka dal 7 al 17 maggio e a Yokohama a giugno. Tra gli oltre 200 libri italiani per l’infanzia in mostra in Giappone ci sono alcuni dei titoli di Interlinea, che così inizia in chiave internazionale i festeggiamenti per i vent’anni della casa editrice e i dieci anni della collana iniziata con un libro di Gianni Rodari, Il ragioniere pesce del Cusio. I titoli di Interlinea esposti sono La tarantella di Pulcinella di Emanuele Luzzati, Bimbambel di Anna Lavatelli e Che tempo fa? di Elve Fortis de Hieronymis, quest’ultimo uno dei libri adottati dal progetto nazionale “Nati per leggere” per la lettura ad alta voce in età prescolare. “Le rane” è una collana che ha cura particolare della qualità dei testi (i maggiori autori italiani di oggi, da Piumini a Quarzo), delle illustrazioni (da Luzzati a Mariniello) e dei materiali ecologici (usando una carta ricavata dalle alghe della laguna di Venezia). Nella Tarantella di Pulcinella tornano i disegni della storia che ha dato al grande Luzzati una nomination all’Oscar al tempo della prima uscita in cartone animato: Pulcinella è povero in canna, ha cinque figli e una moglie che vorrebbe ricchezze; finché un giorno pesca un pesce d’argento che esaudisce tutti i desideri, ma… In Che tempo fa? Elve Fortis propone per i più piccoli: «Tempo brutto o tempo bello? Oggi il sole fa il monello: fra tre nuvole gioconde, prima c’è poi si nasconde»: pioggia, sole, nuvole, neve e altre occasioni atmosferiche scoperte in forma di parole e colori attraverso le storie di simpatici animali. Infine in Bimbambel Anna Lavatelli propone un libro di storie della buonanotte che sta diventando di culto. Che storia vuoi?», chiede il papà. «Bimbambel» è sempre la risposta prima di fare la nanna. È una storia della buona notte che si trasforma, come un caleidoscopio, in tante storie, in una serie di avventure tra fantasia, sogno e magia. Ecco come acchiappare i fulmini; ecco una partita di calcio tra trichechi e merluzzi con la luna piena come pallone; ecco una torta gigantesca cucinata sulla bocca di un vulcano… «Un ritmo narrativo indiavolato, preciso, ritmato, conciso: avventure fantastiche che ricordano le follie del Barone di Munchausen» (Roberto Denti). L’attenta selezione delle 200 opere nella mostra a Tokyo, suddivise in 12 sezioni tematiche, è stata compiuta dalla redazione del mensile “Andersen” (www.andersen.it), che da oltre trent’anni osserva e commenta il panorama editoriale per l’infanzia, attraverso le pagine della rivista e il premio omonimo, assegnato annualmente ai migliori libri pubblicati in Italia. “La mostra è un invito a conoscere l’Italia da una nuova prospettiva – dice Barbara Schiaffino, direttore di “Andersen” e curatrice della mostra insieme a Anselmo Roveda – un invito che vorremmo estendere prossimamente in Europa, senza considerare quanto sarebbe opportuno anche per noi italiani ricevere alcune di queste ‘cartoline’ dal nostro Paese, capaci a volte di raccontarci più fedelmente il nostro passato e il presente, fuori dai soliti luoghi comuni. Fra tutte, le splendide tavole di Paolo d’Altan che illustrano l’inno nazionale per un albo pubblicato lo scorso anno da Rizzoli». “L’impegno dell’Istituto nella promozione della letteratura italiana per bambini, considerato il grande interesse che riscontra in Giappone, va avanti da tempo – afferma il direttore dell’IIC di Tokyo, Umberto Donati – a partire dalle mostre promosse nel 2008 e nel 2009 per passare alla collaborazione editoriale con Reggio Children, senza trascurare l’ampio spazio da noi dedicato a questo settore durante la Tokyo International Book Fair anche grazie alla costante collaborazione avviata con la rivista Andersen”. Un impegno che acquista particolare importanza anche in vista dell’approssimarsi della Fiera Internazionale del Libro per Ragazzi di Bologna (19-22 marzo), dove l’interesse degli editori giapponesi per i libri italiani potrebbe concretizzarsi in interessanti coedizioni e acquisto diritti.

Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.