Vent’anni fa, il 7 luglio, la scomparsa di Dante Graziosi, il veterinario-scrittore novarese

3 luglio 2012 alle 12:45 | Pubblicato su Interlinea, Novara | Lascia un commento
Tag:

Interlinea ripubblica Una Topolino amaranto, primo libro della casa editrice. Aperto fino al 31 agosto il premio per racconti di pianura dedicato alla sua Terra degli aironi A fine settembre un evento in suo onore: fu sottosegretario in quattro governi e fondatore della Coldiretti

«Ma i suoi aironi continuano a volare»

 

Di Dante Graziosi, il veterinario, politico e scrittore scomparso il 7 luglio di vent’anni fa, il libro più famoso, targa d’oro al premio Bancarella da cui la Rai trasse uno sceneggiato tv, è senza dubbio Una Topolino amaranto. Con questo titolo Interlinea, nell’estate del 1992, iniziava le pubblicazioni. Per questo la casa editrice novarese ora ripubblica l’opera, con nuova copertina, accanto a La terra degli aironi, il titolo divenuto icona del territorio delle risaie e della civiltà delle pianure tra Sesia e Ticino. Allo scrittore e a quel titolo è dedicato anche un premio, unico in Italia per racconti di pianura, la cui scadenza è stata prorogata al 31 agosto mettendo in palio, tra l’altro, la pubblicazione dei testi migliori in un’antologia. A fine settembre nel Mulino di Granozzo, dove nacque e ambientò le sue maggiori opere, oggi diventato il villaggio azzurro di Novarello, si terrà un evento in suo ricordo promosso dai maggiori enti territoriali, a cominciare dal Centro Novarese di Studi Letterari che ha raccolto i suoi volumi in un fondo apposito della Biblioteca Negroni e sta pensando all’archivio dello scrittore.

Annunci

Il veterinario-scrittore nella Terra degli aironi

2 luglio 2012 alle 15:35 | Pubblicato su Editoria, Interlinea, Novara | Lascia un commento
Tag:

Interlinea ricorda Dante Graziosi, scomparso il 7 luglio di 20 anni fa: ristampando la sua Topolino amaranto (premio Bancarella e film Rai) con cui la casa editrice iniziò le pubblicazioni nell’estate del 1992

Di Dante Graziosi, l’Herriot italiano, il veterinario, politico e scrittore novarese scomparso il 7 luglio di vent’anni fa, il libro più famoso, premio Bancarella da cui la Rai trasse uno sceneggiato tv, è senza dubbio Una Topolino amaranto. Con questo titolo Interlinea, nell’estate del 1992, iniziava le pubblicazioni. Per questo la casa editrice novarese ricorda l’autore ripubblicando l’opera in nuova edizione, accanto a La terra degli aironi, il titolo divenuto icona del territorio delle risaie e della civiltà delle pianure tra Sesia e Ticino. Allo scrittore e a quel titolo è dedicato anche un premio, unico in Italia per racconti di pianura, la cui scadenza è stata prorogata al 31 agosto mettendo in palio, tra l’altro, la pubblicazione dei testi migliori in un’antologia.

Una Topolino amaranto raccoglie i ricordi di un medico degli animali che ci accompagna tra natura, tradizioni, cascinali, osterie, personaggi e storie della nostra provincia italiana negli anni a cavallo dell’ultima guerra, quando nella «terra degli aironi» la saggezza contadina insegnava: «Si può sbagliare a curare un cristiano ma gli animali no, gli animali devono guarire, non ci sono santi!» Al lettore, anche giovane, arriva l’eco della celebre canzone di Paolo Conte: «Sulla Topolino amaranto si va che è un incanto…»

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.