Il viaggio della parola fa tappa a Milano: un itinerario in musica di Gian Luca Favetto

24 novembre 2016 alle 17:13 | Pubblicato su Uncategorized | Lascia un commento

14

 

Il viaggio della parola fa tappa a Milano:
un itinerario in musica di Gian Luca Favetto

Reading musicale della raccolta poetica (Interlinea) a Milano mercoledì 30 novembre con Giuseppe Langella e Federico Sirianni


«Nel tintinnare delle parole è la prova che la lingua cammina, muscolo che resiste al vocabolario, nessuna lapide la imprigiona, nessuna forma grafia pensiero»: sono parole di Gian Luca Favetto, poeta e giornalista, che pubblica con Interlinea la nuova raccolta Il viaggio della parola. Il volume sarà presentato in un reading musicale a Milano mercoledì 30 novembre 2016 alle ore 18 presso la libreria Vita e Pensiero dell’Università Cattolica (largo Gemelli 1) dall’autore accompagnato dal cantautore Federico Sirianni. L’introduzione è di Giuseppe Langella.

Il viaggio della parola è un itinerario dall’autore al lettore, da una scrivania di Torino alle strade di New York, nella consapevolezza che «l’alfabeto è l’immaginazione del mondo». Ogni testo in poesia è un passaggio, una svolta, un frammento del mosaico che compone il mondo dei libri, a partire dall’atto creativo di chi «semina le parole come briciole» usando un computer che «scrive a penna / anche il silenzio scrive / e non lo dice». In ogni momento (pure nel lavoro dell’editore che «rosicchia le parole… le fa sue in pasto al mondo») c’è un cuore che batte lungo questo viaggio ed è il tempo: «verrà porterà via il mio amore, / ho imparato e lo lascio andare». Così Favetto riesce a dare un’anima ai libri e alla scrittura perché in fondo «soltanto la parola custodisce».

Gian Luca Favetto, torinese, è scrittore, giornalista, drammaturgo. Collabora con “La Repubblica” e RadioRai. Ha ideato il progetto Interferenze fra la città e gli uomini (www.interferenze.to.it). Fra le sue opere ricordiamo le raccolte poetiche L’ultima meraviglia (Genesi, Torino 1990), Il versante accogliente dell’ombra (Marcos y Marcos, Milano 1996) e le storie Italia, provincia del Giro (Mondadori, Milano 2006) e La vita non fa rumore (Mondadori, Milano 2008). Gli ultimi titoli di narrativa pubblicati sono Se dico radici dico storie (Laterza, Roma 2011), il racconto Un’estrema solitudine (Effatà, Cantalupa 2014) e i romanzi Il giorno perduto. Racconto di un viaggio all’Heysel (66thand2, Roma 2015) scritto con Anthony Cartwright e Premessa per un addio (NNeditore, Milano 2016). Per Interlinea nel 2009 ha pubblicato le poesie di Mappamondi e corsari.

 Un brano del libro (Le parole)

«Raccoglie le parole come frutti
difatti lo sono. Ne saggia la polpa
il succo le vitamine e non trascura
il campo e la mano all’origine.

Affila le parole come lame
difatti lo sono – e luccicano. Le usa
per radersi il volto, il gesto di un uomo
fuori di sé.

Semina le parole come briciole
difatti lo sono – tracce. Può ripetere
i passi al ritorno e avanzare,
qualcuno – crede – può seguire.
Le parole sono il metro, l’unità di misura
del mondo, sono il peso l’ora delle cose
del mondo, sono il bacio. Hanno lo sguardo
degli astri, nel loro fondo indugia la luce»

Gian Luca Favetto, Il viaggio della parola

Interlinea, pp. 88, euro 12, isbn 978-88-6857-100-9

 

 

 

TrackBack URI

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: