La storia e l’arte di Varallo Pombia in un volume a più mani: la presentazione domenica 1° aprile a Villa Soranzo

26 marzo 2012 alle 12:16 | Pubblicato su Interlinea | Lascia un commento

Si terrà domenica 1° aprile, alle ore 16,30 presso Villa Soranzo a Varallo Pombia, la presentazione del volume Varallo Pombia. Storia e memoria di una millenaria comunità frutto del lavoro di diversi esperti in campo artistico e storico 

L’importante insediamento dell’Ovest Ticino protagonista del nuovo volume edito da Interlinea Varallo Pombia. Storia e memoria di una millenaria comunità: la presentazione si terrà domenica 1° aprile, alle ore 16,30 presso la sede comunale di Villa Soranzo, con interventi di Luigi Mario Parachini, sindaco di Varallo Pombia; Matteo Borroni, parroco del paese; Dorino Tuniz, curatore dell’opera e Paola Turchelli, assessore alle attività culturali del Comune di Novara. Inoltre saranno presenti gli autori Silvia Angiolini, Cesare Belossi, Susanna Borlandelli, Simone Caldano, Roberta de Filippi, Marina Dell’Omo, Franco Dessilani, Maria Luisa Fanchini, Flavia Fiori, Carlo Mazzella, Miriam Musetta, Francesco Omodeo Zorini, Anna Parachini, Mario Perotti, Maria Grazia Porzio, Gian Paolo Prinetti, Stelvio Tosi, Ivana Teruggi, Dorino Tuniz, Salvatore Ussia e Giuseppe Veronica.

Nel volume, dopo le pagine iniziali dedicate da Carlo Mazzella ai primi insediamenti umani e ai ritrovamenti archeologici, Franco Dessilani si concentra sulla istituzione della pieve e sulla diffusione del cristianesimo in quest’area ad ovest del Ticino. La chiesa di San Vincenzo è oggetto di una attenta analisi da parte di Simone Caldano: lo studioso, che ha già affrontato lo studio approfondito di altre chiese romaniche novaresi, discute della struttura architettonica e delle decorazioni dell’edificio.  Il territorio e lo sviluppo del tessuto urbano, le vicende del feudo e dei feudatari di Varallo Pombia e della sua comunità parrocchiale sono affrontate da Maria Grazia Porzio, Gian Paolo Prinetti e Dorino Tuniz, mentre Salvatore Ussia traccia la vicenda di un singolare personaggio, Martino Paolo Nibbia, feudatario di Varallo ma soprattutto editore e commentatore della Divina Commedia. Marina Dell’Omo, Silvia Angiolini, Ivana Teruggi e Susanna Borlandelli prendono in esame gli edifici di culto e le decorazioni delle chiese del territorio, mentre Flavia Fiori studia i paramenti sacri conservati sul territorio della parrocchia. Dopo la presentazione di Roberta De Filippi dell’ambiente e della vita della frazione Cascinetta, Francesco Omodeo Zorini e Giuseppe Veronica ricordano alcuni episodi della guerra e della lotta di liberazione a Varallo, mentre Mario Perotti conclude il volume con un bel ritratto di un nobile figlio di Varallo, don Giuseppe Rossi, parroco di Castiglione d’Ossola, ucciso dai nazifascisti nel 1944. Chiude la pubblicazione un ricco apparato fotografico e cartografico.

Annunci

Lascia un commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: